Sito web o pagina Facebook? Cosa scegliere per un’azienda

web agency milano

Per un’attività, sia il sito internet che la pagina Facebook sono due strumenti aziendali di grandissima importanza.

Essere presenti su internet e sui social è quindi un punto di importanza massima per la visibilità di un prodotto o di un servizio: nonostante siano entrambi fondamentali, però, avere una pagina Facebook o un sito non è la stessa cosa.

Insomma, si tratta di due elementi differenti, non alternativi. 

Immaginate di possedere un’attività locale a Milano, una grande città. Sia Facebook che Google sono due ecosistemi locali. Cioè basati sulla prominenza geografica. Se possedete una web agency a Milano, è facile pensare che sappiate la risposta. Ma per chi non è del ramo, la risposta non è affatto semplice. Sarebbe meglio averli entrambi, ma chiedono diverse tempistiche ed un impegno completamente diverso. In ogni caso tanto la pagina Facebook, quanto un sito internet indicizzato saranno inevitabili per chi vuole trovare clienti nella propria zona geografica, anche se per il sito può sembrare un controsenso.

Cominciamo a vedere il classico sito web aziendale. Ha come vantaggio che si tratta di uno spazio su internet (acquistato e tendenzialmente duraturo) che è creato ad hoc per l’azienda, su sua immagine e somiglianza e per le sue esigenze.

Il sito è sempre uno strumento che trasmette al cliente una sensazione di stabilità e di solidità, anche di serietà; è uno strumento eccellente per raccontare al proprio cliente chi si è e che cosa si fa per mezzo dell’uso di foto, di immagini, di testo. Insomma, è uno spazio abbastanza libero dove l’azienda si può esprimere come meglio desidera.

Ovviamente ci sono anche dei contro. Ad esempio il costo del sito internet (anche se comunque bisognerebbe sempre calcolare che la realizzazione di siti web aziendali è un investimento), l’aggiornamento, e che il sito internet di per sé anche se ben posizionato fa fatica a farsi conoscere da nuovi clienti.

La pagina Facebook è uno strumento del tutto nuovo ed efficace. La pagina sul famoso social media si può aprire gratuitamente, senza alcun costo: è un piccolo spazio che è possibile ritagliarsi sul social. C’è un neo evidente: la proprietà resta di Facebook. Il titolare dell’account è l’amministratore, che di fatto sta su Facebook perché ha sottoscritto dei precisi impegni. Il gratuito è apparente.

Facebook permette di gestire in modo più informarle la propria clientela (ma è necessario padroneggiare bene lo strumento e non è così semplice come si pensa). Comunque rispetto alla creazione di un sito web, la pagina Facebook aziendale può essere creata praticamente da chiunque, ed espone l’attività (potenzialmente) a milioni di persone.

Ci sono anche dei contro: i contenuti di Facebook sono soggetti alle norme di quella piattaforma ed il rischio di mutamenti e chiusure è in agguato.

Facebook va seguito molto: inutile avere una pagina se poi non si segue l’aspetto della comunicazione con la clientela (moltissimi clienti ad esempio cercano le attività sul social e le contattano lì con messaggi o post: rispondere dopo due giorni non è il massimo dell’efficienza). Infine, per avere davvero visibilità su Facebook è necessario pagare. Ovviamente infatti la pubblicità è a pagamento su Facebook.

La soluzione migliore è quella di rivolgersi ad un’agenzia di web marketing esperta e farsi fare sia il sito che la pagina Facebook aziendale. Ma soprattutto, è bene che la pagina Facebook venga continuamente seguita dal social media manager e che anche il sito venga aggiornato con cura, facendo attenzione all’indicizzazione. Rispondere bene e velocemente ai clienti e curare la propria immagine è di fondamentale importanza. Con quale strumento cambia poco.

 

(Visited 19 times, 1 visits today)