Scrivania anche per i bambini, per imparare

Scrivania anche per i bambini, per imparare

Tutti gli esperti di infanzia ed apprendimento vi diranno che uno dei più importanti sistemi per incoraggiare l’interesse del bambino a scuola è quello di dotarlo di un angolo proprio, dove potersi isolare e concentrarsi. Avere una zona dedicata all’apprendimento, soprattutto a casa, quando il bambino unisce gioco e istruzione, è fondamentale: per questo motivo una scrivania per bambini è fondamentale. I vantaggi sull’istruzione sono incredibili.

Nessuna distrazione con la propria scrivania

Avere un angolo proprio, una sedia con una scrivania (vedi i modelli su scrivania.eu) tutta sua, aiuta il bambino a concentrarsi, sottraendolo al disturbo che potrebbero arrecargli i vicini di bambino, magari troppo vivaci o poco attenti a quello che stanno facendo. Ma le distrazioni sono dietro l’angolo: spesso si prende un tavolino e uno sgabello e lo si mette a scrivere davanti al televisore, con l’inevitabile svantaggio che il bambino si distrae subito, anche se la televisione la guardano i genitori. Peggio ancora se c’è qualcuno che gioca a un videogame o se è in mezzo a un gruppo di conversazione. Inoltre, così facendo, il bambino è tenuto a pensare che l’attività che sta svolgendo non è così importante se può essere facilmente interrotta dal padre, che lo chiama per fargli vedere una foto o interloquisce con lui distraendolo in continuazione. Per questo motivo i genitori devono capire che limitare le distrazioni è fondamentale per salire un gradino nella scala dell’apprendimento: bisogna comprare una piccola scrivania e se ha già una stanzetta tutta sua, sistemarla li, assicurandosi che non ci sia un televisore o un computer. La scrivania non serve troppo grande perché deve semplicemente poggiare il quaderno con la matita, i pastelli e al massimo il libro. Nessun altro elemento, solo studio e apprendimento.

La scrivania è sua, aumenta la responsabilità

Mia madre, quando eri piccolo, insisteva perché ordinassi la camera prima di uscire. Non solo dovevo rifarmi il letto, ma anche pulire ed eliminare le cartacce che lasciavo in giro. Ero inoltre, fin da bambino, un avido lettore per cui mi portavo in camera almeno 3-4 libri che lasciavo qua e là, in disordine. Ma avere uno spazio mio mi ha aiutato a diventare responsabile delle cose mie. La scrivania responsabilizza il bambino, lo aiuta a lasciare le cose in ordine per riprendere il “lavoro” da dove l’aveva lasciato. Se condivide lo spazio con altre persone non si sentirà responsabilizzato a mettere in ordine e pulire e lascerà fare ad altri, incolpando gli altri del mancato ordine,.

Comodità e postura

Avere una scrivania propria aiuta il bambino a stabilire una sfera di lavoro tutta sua, dove non solo può isolarsi, ma anche apprendere la corretta postura. Spesso li si lascia giocare e scrivere sul letto, confondendo i due piani, in posizioni di totale scomodità che prima o poi lasceranno un segno. Oggi, sedie e scrivanie, poltroncine e tavoli sono progettati per far mantenere una postura ergonomica, corretta, che distribuisce bene il carico di lavoro su tutta la spina dorsale, lasciando al bambino una sensazione di comodità e di minor stanchezza. Per questo motivo è fondamentale che abbia una scrivania tutta sua, così potrà iniziare a sperimentare il senso di proprietà delle cose, la cura delle sue cose, l’ordine e l’impegno, la responsabilità e la separazione tra doveri e piaceri, fondamentali per sostenere la crescita della sua personalità nel tempo.

(Visited 1 times, 1 visits today)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *