Dispositivi intelligenti per i servizi urbani

Dispositivi intelligenti per i servizi urbani

Le potenzialità tecnologiche legate al web, agli smartphone, ed ai sistemi di connessione che permettono sempre più interconnessioni tra oggetti e piattaforme diverse, sono pronte a rivoluzionare, in positivo, anche i servizi di pubblica utilità nelle nostre città. Tutte le soluzioni che possono rendere i servizi pubblici più efficienti, più utili per il cittadino, e possono offrire al cittadino stesso nuove funzionalità, sono racchiusi in quell’insieme di progetti noto come “Smart cities”. Proprio il concetto di Smart Cities, ossia di città connesse e capaci di rendere moderni ed efficaci i servizi al cittadino, è uno dei principali settori potenziali di applicazione di quell’insieme di tecnologie conosciuto come “Internet of Things”, o “Internet delle cose”, ed è anche il settore con le maggiori potenzialità di sviluppo, dato che oggi, solo l’8% del giro d’affari è legato al comparto d’applicazione “Smart cities”.

La comunicazione, la sicurezza, la mobilità, l’ambiente, la stessa amministrazione, sono tutti campi di applicazione dei dispositivi intelligenti per i servizi urbani. I mezzi di trasporto pubblico possono, ad esempio, comunicare in tempo reale la loro posizione, ed i viaggiatori alle fermate, anch’esse equipaggiate con tecnologie “smart”, possono avere “in tempo reale”, il tempo d’attesa per il prossimo autobus o tram. Inoltre questo sistema può dare ordine ai semafori di far passare il mezzo pubblico per permettergli di non arrivare in ritardo. I dati sul riempimento dei mezzi possono fornire infine informazioni alla centrale in merito all’opportunità di far partire una corsa supplementare per far fronte alla elevata domanda su una certa linea.

I pali dell’illuminazione pubblica possono ricevere l’ordine di accendersi o spegnersi ogni giorno all’ora più adatta, in modo da fornire l’illuminazione che serve ai cittadini, quando serve, e senza sprechi. Le centraline di controllo dell’inquinamento possono fornire in tempo reale i dati all’amministrazione e dare autonomamente segnali d’allarme quando si superano determinati livelli. I sistemi di irrigazione nei parchi pubblici possono avviarsi o fermarsi da soli, in base alla temperatura, al fatto che ci sia sole o cielo coperto, all’umidità relativa, e a quanto tempo è passato dall’ultima pioggia. I dispositivi intelligenti per i servizi urbani sono già tra noi, per portare le nostre città ad essere sempre più vive, e sempre più piacevoli da vivere.

Fonte: Business.it

(Visited 7 times, 1 visits today)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *