Comprare auto senza svalutarle: il noleggio a lungo termine

La nuova audi a 3 sportback

Quando si cambia la macchina vogliamo che sia adatta allo scopo che ci prefiggiamo. Se desideriamo risparmiare prenderemo una macchina non solo economica dal punto di vista del listino, ma che consumi meno e non si svaluti troppo. Il classico, complicato compromesso tra esigenze e portafoglio. Se abbiamo necessità di spazio non potremo acquistare una macchina piccola, ma almeno avremo un valore e la soddisfazione della famiglia. Se la impieghiamo come mezzo principe per il lavoro le chiederemo affidabilità nel tempo e performance stradali sopra la media, perché occorre essere puntuali e precisi. Quando andiamo a bilanciare i pro e i contro dell’acquisto della macchina nuova in genere studiamo le alternative. Esse sono il leasing, l’acquisto dell’usato da privato o da concessionaria, oppure il noleggio a lungo termine e il car sharing. Questo ultimo si è imposto all’attenzione negli ultimi anni e riguarda esclusivamente le grandi città dove ci sono mezzi pubblici che possono ammortizzare la necessità di spostamento. In pratica si usa un’auto come una comodità messa a disposizione per un certo numero di persone, come se fosse un appartamento in comproprietà. Il leasing è una formula di finanziamento che consente una simulazione dell’affitto, con il diritto di riscatto del mezzo alla fine del ciclo contrattuale.

L’acquisto dell’usato è noto ed è preferito da chi non vuole rinunciare a un preciso modello, spendendo troppo. Anche sulla base del principio che appena si compra un’auto essa è già destinata al mercato dell’usato. Il calcolo da fare è quello della svalutazione del mezzo negli anni. Comprare significa acquisire un valore che si può permutare nel tempo, con un costo che dipende dalla bontà del modello o dallo stato complessivo del mezzo. Il noleggio a lungo termine è nato proprio con lo scopo di stemperare gli effetti negativi dell’acquisto, consentendo comunque i vantaggi, di fronte alla svalutazione e all’uso del mezzo nel tempo. Non a caso nasce all’interno delle logiche commerciali di gestione dei mezzi di un’azienda.

Nato all’interno delle aziende e del mondo dei professionisti con partite IVA il noleggio a lungo termine presenta degli innegabili benefici. L’azienda sa quanto spenderà nell’arco di un tempo determinato affrontando quindi la gestione delle spese con maggior accortezza. Sapere quanto si spenderà in un preciso settore aiuta a gestire meglio gli altri settori, concentrandosi meglio nella parte produttiva. Avendo mezzi sempre nuovi, scintillanti, funzionali e pratici significa mettersi al riparo da sgradite sorprese quali ritardi, incidenti, spese improvvise. Inoltre, usando mezzi sempre all’altezza anche dal punto di vista estetico si migliora notevolmente l’immagine dell’azienda all’esterno.

Nel noleggio a lungo termine ciò è possibile perché nel canone fisso mensile (che può essere concordato anche nelle modalità di pagamento) sono compresi i costi di immatricolazione, di assicurazione, del bollo. Vanno poi inclusi tutti quei costi per le riparazioni ordinarie e straordinarie. L’azienda, per ogni problema riguardante la sua flotta di auto e mezzi commerciali, potrà rivolgersi a un’unica figura, tanto per il cambio pneumatici quanto per la convergenza o la carrozzeria. Inoltre non sarà mai scoperta nella gestione quotidiana, ricevendo una vettura sostituiva in caso di bisogno. In tutto ciò annullando i costi prodotti dalla svalutazione, che spesso rende difficoltoso il rinnovo del parco auto, a fronte di nuove esigenze che non possono essere procrastinate nel tempo.

(Visited 14 times, 1 visits today)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *