Come funziona la pillola scanner?

Come funziona la pillola scanner?

I medici potrebbero presto avere a disposizione nuovi, migliori metodi per eseguire la scansione dell’esofago – il tratto dell’apparato digerente che collega la gola e lo stomaco – in cerca di malattie- Una capsula delle dimensioni di una compressa multivitaminica potrebbe raccogliere immagini tridimensionali in sezione trasversale più dettagliate di quelle ottenibili con la tradizionale endoscopia ad alta risoluzione, e senza il bisogno, per di più, che i pazienti siano sedati. Tale capsula contiene una punta laser in rapida rotazione che emette un fascio di luce nel vicino infrarosso. Sensori presenti nella pillola stessa registrano la luce riflessa del rivestimento esofageo. La capsula trasparente è collegata a un cavo che si collega a una console di imaging, consentendo al medico di controllarla. Quando un paziente inghiotte la capsula, questa è trasportata lungo l’esofago dalle normali contrazioni dei muscoli. Quando la capsula raggiunge l’ingresso dello stomaco può essere recuperata. La capsula è stata oggetto di studi presso il General Hospital del Massachusetts negli stati Uniti. Si spera che con il tempo arrivi a rappresentare uno strumento economico per lo screening del cancro all’esofago in molte più persone.

All’interno della capsula

Un fascio di luce infrarossa viene inviato lungo un cavo in fibra ottica in una capsula trasparente. La luce viene reindirizzata e un albero di trasmissione viene ruotato in modo che il fascio gira all’interno della capsula. La luce riflessa è ricevuta da minuscole ottiche e reinviata lungo il cavo in fibra ottica, per poi essere convertita in un’immagine.

Analizzare il corpo con una pillola scanner significa avere la possibilità di vedere – nel giro di poco tempo – tutto ciò che accade all’interno dell’organismo. Come una risonanza magnetica, la pillola scanner è in grado di evidenziare qualsiasi anomalia si presenti all’interno del corpo umano. Si tratta di metodi scientifici nuovi e sicuramente destinati ad avere grande applicazione e consenso nell’ambito medico, specie per sostituire alcune analisi di tipo invasivo che fino ad oggi ancora disturbano il paziente che si sottopone anche ad un semplice controllo. La moderna ingegneria e biologia medica, insomma, si fondono per dar vita a qualcosa di completamente nuovo e rivoluzionario che – secondo gli addetti al settore – sarà una vera rivoluzione. La pillola scanner, infatti, non è eccessivamente invasiva e non avrà costi esorbitanti. Inoltre, i vantaggi per i medici sono imponenti: la pillola, infatti, sarà in grado di trasmettere informazioni complete al medico circa il quadro clinico del paziente e il medico, a sua volta, non avrà la necessità di richiedere ulteriori accertamenti per effettuare una diagnosi.

(Visited 1 times, 1 visits today)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *