Come aprire una scuola calcio

Come aprire una scuola calcio

Quella del calcio in Italia è una tradizione che va sempre di moda. Sin da piccoli i bambini sognano di diventare un giorno dei grandi calciatori, di indossare la maglia di prestigiosi club italiani ed europei nonché quella della nazionale. In passato, i bambini praticavano il gioco del calcio soprattutto nelle strade. Poi, poco alla volta, sono nate le scuole di calcio. Si tratta di luoghi presso i quali, sotto la guida di allenatori esperti, è possibile migliorare sia dal punto di vista tecnico che tattico. In realtà, una scuola calcio può fare molto di più. Deve insegnare i valori della sportività e del rispetto nell’avversario e si configura come un importante luogo di crescita dal punto di vista sociale. Del resto, in una Scuola Calcio si apprendono delle regole, certamente più rigide e ferree rispetto a quando si gioca a pallone nel campetto del quartiere o tra gli amici per le strade. Non tutti possono diventare dei grandi calciatori o dei fuoriclasse, ma tutti hanno il diritto di divertirsi ed il dovere di comprendere i valori positivi dello sport e dell’attività agonistica.

Anche dal punto di vista delle opportunità future, una scuola calcio è importante perché chi ne è iscritto avrà l’opportunità di essere valutato da osservatori di grande squadre e di essere scelto per fare provini e test. Anche per questo motivo ogni anno sono tanti i genitori che decidono di iscrivere i loro figli ad una scuola calcio. La finalità è duplice: fare in modo che essi si tengano impegnati al di là delle attività scolastiche e sperare che i propri figli possano un giorno coronare i loro sogni.

Le strutture di una scuola calcio

La scuola calcio può rappresentare un ottimo investimento dal punto di vista imprenditoriale. Bisogna, infatti, considerare che il calcio è lo sport maggiormente praticato e seguito in Italia e che, dunque, aggrega intorno a sé davvero tantissime persone. E’ chiaro che per aprire una scuola calcio ci vogliono delle competenze. L’aspetto più importante, come quasi in tutte le attività, è l’organizzazione. Una scuola calcio può essere aperta anche a bambini di cinque anni di età, passando anche per i più grandi e per le varie categorie esistenti. Gli allenamenti settimanali andranno ponderati senza dimenticare il fatto che la scuola calcio verrà comunque sempre dopo la scuola. Dunque, l’ideale sarebbe fare almeno due allenamenti a settimana, al massimo quattro. Solitamente, nel week end se la squadra è iscritta ad un torneo provinciale o regionale sfiderà i pari età di un’altra scuola calcio.

I primi aspetti organizzativi riguardano le strutture. Bisogna poter contare sulla disponibilità di un campo di calcio, considerando che spesso i campi di calcio appartengono al comune presso il quale sono situati. Va, dunque, stipulato un contratto di affitto con l’amministrazione comunale a meno che chi o coloro i quali mettono in piedi una società per la creazione di una scuola calcio non siano già proprietari di un campo. Altri aspetti rilevanti riguardano la presenza di strutture come spogliatoi e magazzini. E’ sempre importante conoscere gli aspetti normativi in materia perché bisogna comunque considerare il fatto che si avrà a che fare con minorenni e che la priorità va data sempre alla loro sicurezza ed incolumità.

Gli adempimenti burocratici per aprire una scuola calcio

Esistono diverse possibilità per chi ha l’idea e il progetto di aprire una scuola calcio. Una volta individuato il luogo adibito allo svolgimento di quest’attività (possibilmente un luogo affollato, dove ci siano molti bambini e dove non siano presenti altre scuole calcio) bisogna passare agli adempimenti burocratici necessari per qualunque tipo di esercizio. Le spese di avviamento di un’attività di questo tipo potrebbero essere molto alte. Di conseguenza potrebbe essere necessario aprire una società formata da più soci ma anche chiedere un finanziamento a fondo perduto oppure accedere ad un programma di agevolazioni pubbliche. Un’altra importante possibilità è quella di aprire una scuola calcio che sia affiliata al principale organo giuridico che si occupa di questo sport in Italia: la FIGC (Federazione Italiana Giuoco Calcio). Ciò permetterà alla nascente scuola calcio di acquisire il titolo di Centro Calcistico di Base nonché di diventare, in futuro, Scuola di Calcio Riconosciuta. Bisogna, inoltre, specificare a chi è rivolta la propria scuola calcio perché esistono diverse categorie che vengono raggruppate in base all’età: pulcini, esordienti, giovanissimi ed allievi. Solitamente, le scuole calcio chiudono nel periodo estivo ma, eventualmente, esiste la possibilità di organizzare dei campi estivi per tenere impegnati bambini e ragazzi anche nei tre mesi dell’estate, quando le scuole sono chiuse ed il tempo a disposizione per praticare questo sport è sicuramente maggiore rispetto agli altri periodi dell’anno. In base al numero degli iscritti e alle varie categorie di bambini cambia anche il numero di allenatori necessari. L’ideale sarebbe avere un allenatore ogni 20 o 25 bambini. Gli allenatori dovrebbero avere degli attestati, come ad esempio il tesserino, nonché anche ottime qualità umane perché non bisogna mai dimenticare che essi sono soprattutto degli educatori. E’ importante poter contare anche sul contributo di un medico, in grado di soccorrere i ragazzi quando accusano infortuni ed altri tipi di problemi fisici. Nel caso in cui l’associazione sportiva preveda la presenza di diversi soci è importante che ci sia unione d’intenti tra di loro e che gli obiettivi siano gli stessi. Dividendo le spese i costi iniziali dell’attività potrebbero essere più facilmente gestibili. Nel caso in cui dovessero essere individuati degli sponsor si avrà l’opportunità di racimolare altri fondi, ricordando, però, che il successo della scuola calcio dipenderà sempre e comunque da altri fattori, ovvero:

  • ottime strutture
  • discreta organizzazione
  • allenatori competenti e preparati
(Visited 7 times, 1 visits today)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *