Addio a virgole e punti fermi

Addio a virgole e punti fermi

Date un’occhiata ai vostri ultimi sms e chat; ci sono ancora i tradizionali segni di punteggiatura? Di solito no, tendono a saltare. Ciò non vuol dire che la punteggiatura sia a rischio estinzione; secondo gli esperti, al contrario, viene usata in modo più creativo.

<<Giudicate voi…….>>No, non abbiamo sbagliato nell’abbondare con i segni di punteggiatura. Oggi scriviamo anche così. Sms, whatsApp e Facebook stanno influenzando il modo di scrivere e a farne le spese è innanzitutto la punteggiatura. Per molti, punti, due punti, virgole, punti di domanda sono ormai un impiccio e quindi vengono spesso eliminati, quando si scrive velocemente un sms. Una ricerca condotta da Naomi S. Baron e colleghi del dipartimento di Lingue e studi internazionali dell’American University di Washington mostrava che già nel 2007 solo il 39% degli studenti universitari utilizzasse un segno di punteggiatura per separare due frasi di un sms. Oggi con WhatsApp la tendenza prosegue, soprattutto perchè per separare le frasi basta fare ‘invio’ e scrivere un nuovo messaggio senza costi aggiuntivi.

Emozioni aggiunte

Così oggi usiamo sempre meno punteggiatura. Tuttavia bisogna fare delle distinzioni: nei testi della comunicazione digitale sono ancora usati la virgola e il punto, mentre il punto e virgola e i due punti sempre meno. Del resto, la loro posizione stilla tastiera non ne favorisce l’impiego. Il discorso, però, è più complicato perché in alcuni casi le nuove tecnologie hanno invece aumentato il numero di segni di interpunzione. In tutte le lingue, infatti, la punteggiatura serve a collegare tra loro le parti del discorso, ma anche a enfatizzare i concetti chiave. Negli esempi che abbiamo citato in apertura, ad esempio, ha un ruolo nuovo e creativo: trasmette, cioè, al destinatario le emozioni che stiamo provando mentre scriviamo, un po’ come accade con le emoticon o emoji ovvero le cosiddette faccine. Su questa funzione emotiva della punteggiatura la giornalista del New York Times Jessica Bennett ha recentemente raccontato un aneddoto, in un articolo sul tema: «Io e una mia amica avevamo in programma di uscire insieme. Il giorno dell’appuntamento mi ha scritto un messaggio chiedendomi semplicemente “a che ora ci vediamo”, senza punto interrogativo. Quella domanda posta senza punto di domanda dimostrava indifferenza, quasi freddezza». Ma non è solo un’impressione della giornalista, lo sperimentiamo tutti: «La scrittura è il principale mezzo con cui si comunica oggi negli spazi digitali», ci racconta Davide Bennato, docente di Sociologia dei media digitali presso l’Università degli studi di Catania. «Per questo si sta modificando al fine di rendere la complessità della comunicazione faccia a faccia, fatta anche di emozioni».

Il punto è “aggressivo”

Oggi, ad esempio, tendiamo a usare la virgola per segnalare il confine tra due frasi («Vengo domani, scusa ma oggi non ho tempo») al posto del punto, perché ci sembra troppo perentorio. E infatti, già a fine 2013, sul magazine online New Republic l’editorialista e commentatore Ben Crair spiegava come mettere un punto alla fine di una frase in chat o su WhatsApp abbia acquisito un significato diverso rispetto a quello grammaticale: «Nelle conversazioni online», scrive Crair, «la gente non lo utilizza semplicemente per chiudere una frase, ma per segnalare una cosa del tipo “non sono contento di come si stia mettendo la conversazione”». L’autore sostiene che una delle cause di questo cambiamento può essere la diffusione dei servizi di messaggistica istantanea, nei quali per separare un concetto dall’altro basta andare a capo e dividere il pensiero su due messaggi. Pertanto, scegliere di aggiungere un punto fa sì che il destinatario si chieda perché il mittente abbia avvertito la necessità di farlo: se il punto manca (“A dopo”) il tono è percepito come neutro, se invece c’è, spesso è per rendere incisiva, se non aggressiva, un’affermazione. Insomma, se alla vostra metà scrivete «Usciamo insieme stasera?» e lei vi risponde con un «Meglio di no.» forse c’è qualcosa che non va.
Ripetere giova

Infine, un caso emblematico di punteggiatura creativa è l’abitudine su Facebook di enfatizzare un discorso usando una sequenza di punti esclamativi e di “i” alternati: «Svegliateviiiiiii», si legge spesso sui social quando l’autore del post vuole scuotere l’attenzione di chi legge. «Le origini sembrano derivare da un errore di battitura: il tasto del numero i e del punto esclamativo è lo stesso», spiega Bennato.

Un refuso che è diventato marchio di fabbrica di appassionati di argomenti complottistici. Scrivere in quel modo significa ironizzare su argomenti sensazionalistici di cui spesso la rete si nutre. Nei nostri messaggi privati, invece, la ripetizione ha spesso un altro valore: «Serve a rafforzare la funzione conativa, cioè a colpire il destinatario», prosegue Bennato. Così il numero di segni può cambiare il significato: se «Hai capito?» è una domanda, «Hai capito???» segnala aggressività. O ancora, una lunga serie di puntini di sospensione sottolinea spesso un tono sarcastico: ad esempio «Guarda un po’ come si comporta certa gente » a commento di un video pubblicato in rete può sottolineare una presa di distanza, se non una critica.

(Visited 27 times, 1 visits today)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *